Martedi, Set 19th

Last update06:09:29 PM

agra press Prime Pagine TAVOLA ROTONDA ITALIA ORTOFRUTTA, CON OLIVERO, BLASI, VERNOCCHI, SALVI, VELARDO, FRANZERO

TAVOLA ROTONDA ITALIA ORTOFRUTTA, CON OLIVERO, BLASI, VERNOCCHI, SALVI, VELARDO, FRANZERO

la necessita' di maggiore aggregazione e confronto all'interno del settore ortofrutticolo e' stato il principale argomento al centro dei lavori della tavola rotonda "una strategia per il settore ortofrutticolo italiano", sviluppata sulla base di un documento condiviso elaborato da italia ortofrutta, fruitimprese e alleanza delle cooperative agroalimentari e contenente una serie di proposte per il rilancio del settore. all'incontro, organizzata da italia ortofrutta nell'ambito di una serie di attivita' che l'unione nazionale sta portando avanti con il mipaaf, per - e' stato spiegato - "un rilancio complessivo dell'ortofrutta italiana attraverso la predisposizione di una strategia nazionale di settore e di un miglioramento nell'utilizzo dei fondi ocm", sono intervenuti il viceministro all'agricoltura andrea OLIVERO, il capo dipartimento del mipaaf giuseppe BLASI, il coordinatore del settore ortofrutta dell'alleanza delle cooperative davide VERNOCCHI, il presidente di fruitimprese marco SALVI, il presidente di italia ortofrutta gennaro VELARDO e il direttore di unaproa stefano FRANZERO. la necessita' di una maggiore aggregazione, richiamata da praticamente tutti gli intervenuti, e' stata condivisa da OLIVERO. "il mondo produttivo deve avere il coraggio di fare un salto in avanti e affrontare la sfida imprenditoriale" dell'aggregazione e noi "dobbiamo stimolare in ogni modo" questo processo, ha affermato il viceministro. OLIVERO ha assicurato la disponibilita' del mipaaf alla creazione di un tavolo di confronto, che - ha detto - "puo' partire gia' nelle prossime settimane". il viceministro - rispondendo ad una domanda del componente della giunta della confagricoltura rosario RAGO - si e' inoltre detto d'accordo con la proposta di istituire un catasto ortofrutticolo. quello dell'ortofrutta e' "uno dei pochi settori che ha strumenti e risorse a disposizione", ha fatto notare BLASI. anche il responsabile delle politiche europee e internazionali e dello sviluppo rurale del mipaaf ha spiegato di condividere il richiamo ad una maggiore aggregazione, invitando i rappresentanti della filiera a fare "azioni di sistema" e lavorare per dare al mipaaf un "punto di riferimento nazionale". vogliamo creare un "tavolo di coordinamento", dove "parlarci e confrontarci con franchezza", ha spiegato VELARDO, secondo il quale i principali obiettivi sono tre: "far percepire il valore dell'ortofrutta", e quindi lavorare per una migliore e maggiore comunicazione; esaltare il ruolo della ricerca; puntare all'unita' all'interno della filiera, con lo scopo di "dare un messaggio forte alla pubblica amministrazione". anche VERNOCCHI si e' soffermato sulla necessita' di aggregare il comparto. "se il livello di aggregazione e' basso non e' colpa della politica, ma di certi produttori che prediligono i campanilismi", ha asserito. "serve coraggio, ci dobbiamo mettere tutti in discussione con il principale obiettivo di andare a uniformare il sistema paese", purtroppo ancora caratterizzato da "troppe diversita'", ad esempio sui disciplinari, che "sono diversi da regione a regione". "dobbiamo cominciare a uniformare le sfide e gli obiettivi a livello nazionale, in modo da poterle poi sviluppare in ambito comunitario", ha asserito FRANZERO, esortando i componenti della filiera a "proseguire con il lavoro fatto insieme". per il direttore di unaproa, "e' rilevante il semplice fatto che ci stiamo confrontando sulla definizione di linee strategiche nazionali per il settore, che includano l'ocm, ma non solo". "dobbiamo condividere pochi punti, ma portarli avanti insieme", in modo da essere piu' forti, ha detto SALVI, condividendo l'invito di VELARDO a "lavorare per una cabina di regia per l'ortofrutta". il mercato ci impone di fare sistema "in materia pragmatica", individuando i mercati e gli obiettivi che ci interessano, ha continuato il presidente di fruitimprese, ad avviso del quale "c'e' ancora tanto mercato da conquistare nel mondo". il direttore di italia ortofrutta vincenzo FALCONI, ha presentato una esaustiva carrellata di dati sull'andamento del settore e si e' soffermato sulle sue criticita'. l'obiettivo della giornata odierna, che precede i lavori dell'assemblea annuale dell'unione, e' capire come "intervenire su quei fattori che ci stanno facendo perdere competitivita'", ha tra l'altro sottolineato. ai lavori della giornata hanno partecipato, tra i molti altri, i presidenti del cso paolo BRUNI e di ortofrutta italia nazario BATTELLI, il direttore di anicav giovanni DE ANGELIS, il direttore generale del centro agroalimentare roma (car) massimo PALLOTTINI, il past president di italia ortofrutta ibrahim SAADEH, il responsabile economico della coldiretti lorenzo BAZZANA, il componente della giunta della confagricoltura rosario RAGO e la responsabile del settore frutticoltura della cia-agricoltori italiani anna RUFOLO. 

 

(16 giugno 2017)(riproduzione riservata)