Sabato, Ago 18th

Last update04:17:21 PM

agra press Prime Pagine MANTEGAZZA (UILA), BENE FICO, CAMBIAMENTO COMINCI DA QUI. TAGLI L'ERBA SOTTO I PIEDI DEI CAPORALI

MANTEGAZZA (UILA), BENE FICO, CAMBIAMENTO COMINCI DA QUI. TAGLI L'ERBA SOTTO I PIEDI DEI CAPORALI

"apprezziamo la decisione del presidente FICO di essere oggi a san ferdinando; bisogna pero' passare dalle parole ai fatti; il governo del cambiamento cominci a cambiare l'italia proprio da qui: tagli l'erba sotto i piedi dei caporali facendo funzionare la legge 199 nella parte repressiva e modificandola nella parte propositiva, rendendo piu' facile per parti sociali e istituzioni coniugare insieme domanda e offerta di lavoro sul territorio", afferma il segretario generale uila stefano MANTEGAZZA in riferimento alla visita del presidente della camera alla tendopoli di san ferdinando, in provincia di reggio calabria, dove risiedeva il bracciante soumayla SACKO, ucciso nei giorni scorsi. "concordiamo con le proposte di FICO, in particolare, quando afferma che e' necessario intervenire contro lo sfruttamento dei braccianti e definire accordi con la grande distribuzione per una ripartizione piu' equa del valore delle produzioni, cosi' come condividiamo la necessita', sulla quale insistiamo da tempo, di richiamare i consumatori ad una scelta etica del cibo", prosegue MANTEGAZZA. "ma e' adesso il momento di far funzionare la legge 199 per la parte repressiva. infatti grazie al sindacato prefetti e ispettori del lavoro hanno a disposizione uno strumento efficace che prima non c'era; allo stesso tempo bisogna attuare una gestione bilaterale della domanda e offerta lavoro, affidandola alle parti sociali d'intesa con le istituzioni sul territorio in coordinamento con i prefetti e introdurre un sistema di premialita', sotto forma di sgravi contributivi, per le aziende che decidano di assumere la manodopera attraverso la rete del lavoro agricolo di qualita'. questa e' la scelta vincente e da qui dobbiamo ripartire" aggiunge ancora il sindacalista, ad avviso del quale "ci sono tutte le possibilita' perche' il mercato del lavoro agricolo diventi trasparente ed e' per questo che chiediamo al governo di superare i ritardi e le 'reti di complicita'' che impediscono al nuovo sistema di decollare".

 

(11 giugno 2018)(riproduzione riservata)