Lunedi, Ott 22nd

Last update05:46:16 PM

agra press Prime Pagine CEREALI, BMTI, TENSIONI SU RACCOLTI IN EUROPA SPINGONO PREZZO GRANO TENERO ITALIANO. SEGNALI DI RIALZO ANCHE PER MAIS

CEREALI, BMTI, TENSIONI SU RACCOLTI IN EUROPA SPINGONO PREZZO GRANO TENERO ITALIANO. SEGNALI DI RIALZO ANCHE PER MAIS

"le forti tensioni sui prezzi presenti nel mercato europeo del grano tenero, con i raccolti del nord europa colpiti da condizioni siccitose che fanno presagire una forte contrazione produttiva, hanno impresso degli aumenti a luglio ed in avvio di agosto anche ai listini nazionali dei grani teneri; in particolare, il prezzo del grano tenero panificabile ha registrato durante il mese una crescita del 7%, attestandosi a fine luglio sui 190 euro/t. rialzi che sono proseguiti nelle prime rilevazioni di agosto, con le quotazioni salite sopra la soglia dei 200 euro/t, su livelli che nel mercato italiano non venivano raggiunti da gennaio 2015", rileva la bmti nella sua analisi mensile sui prezzi nel mercato cerealicolo italiano, realizzata a partire dai listini delle camere di commercio. "dopo la stabilita' di luglio, segnali di rialzo hanno interessato in apertura di agosto i prezzi del mais. dopo essersi attestati a luglio su un prezzo medio di 178 euro/t, praticamente invariati rispetto a giugno (+0,8%), le quotazioni del mais secco nazionale hanno registrato infatti un aumento nelle prime rilevazioni di agosto, superando la soglia dei 190 euro/t. incremento che e' dipeso, oltre che dai timori per possibili danni alle colture a causa del maltempo registrato nelle regioni del nord italia, anche dal rischio che le condizioni siccitose in nord europa causino una forte contrazione del raccolto maidicolo europeo", prosegue la borsa merci. "l'avvio della campagna commerciale 2018/2019 del grano duro e' stato invece caratterizzato a luglio da una sostanziale stabilita' dei prezzi del prodotto di origine nazionale. i prezzi all'ingrosso si sono mantenuti sulla soglia dei 220 euro/t, accusando pero' una flessione del 5,9% rispetto allo scorso anno", conclude la bmti.

 

(10 agosto 2018)(riproduzione riservata)