Martedi, Giu 25th

Last update05:55:39 PM

agra press Prime Pagine

CONSORZIO AGRARIO EMILIA, BILANCIO APPROVATO ALL'UNANIMITA' E CONFERMATI INVESTIMENTI E INNOVAZIONE

"all'indomani dei cinque incontri territoriali che si sono svolti a partire dal 31 di maggio scorso nelle province che compongono il variegato comprensorio del consorzio agrario dell'emilia (ferrara, imola, castelfranco emilia, castelnuovo di sotto e san giovanni in persiceto) il piano investimenti, risultati economico-finanziari e bilancio annuale sono stati presentati e sottoposti al vaglio dell'assemblea generale dei soci nei locali dell'head quarter del cae a san giorgio di piano", rende noto un comunicato stampa del consorzio. "il voto e' stato preceduto dalle relazioni introduttive che hanno posto l'accento sia sullo scenario globale dei mercati di riferimento sia sulle azioni di management prese dalla governance del consorzio agrario nei dodici mesi appena trascorsi", continua il comunicato. "a sostenere l'attivita' degli amministratori il valore della produzione aggregato di oltre 563 milioni di euro, un fatturato di oltre 244 milioni e un ebitda di circa 6,6 mil/euro", sottolinea il comunicato. "e se la legge dei numeri conferma da un lato il valore complessivo del sistema consortile, dall'altro e' fondamentale rimarcare il ruolo che il cae esercita in modo capillare sul territorio e svolge rispondendo alle singole esigenze dal 1901: un punto di riferimento per le imprese agricole e per le molteplici filiere a cui offrire assistenza specializzata e personalizzata grazie al know how dello staff maturato negli anni e anche grazie alla presenza di ben 58 agenzie", afferma il comunicato, nel precisare che queste "agenzie rappresentano un punto di equilibrio e connessione tra produttori, trasformatori, venditori e consumatori". "oltre a questo e' essenziale evidenziare al contempo la componente rappresentata dalle collaborazioni fattive e dalle partnership con altre fiorenti realta' imprenditoriali all'avanguardia che consentono di poter contare su innovazione tecnologica di ultima generazione e ricerca scientifica avanzata", spiega il comunicato. "tra queste si segnalano sis-societa' italiana sementi, emilcap mangimi, eurocap petroli e quality seeds", precisa il comunicato. "un altro considerevole contributo nel disegnare il quadro generale di servizio alle imprese agricole del consorzio agrario e' senz'altro offerto dai contratti di filiera e da quelli di conferimento a tutela di produttori e prodotti e dalle collaborazioni fattive in termini di innovazione e ricerca applicata al comparto con bonifiche ferraresi e ibf, agricoltura di precisione", prosegue il comunicato. "il direttore generale cae ivan CREMONINI ha posto l'accento sul consolidamento della presenza sul territorio confermandosi leader di mercato in diversi settori in cui opera", spiega il comunicato. "si evidenzia in particolare un aumento dei prodotti ritirati dai soci/clienti (cereali e proteoleaginose) per complessivi 2.850.000 quintali a cui vanno aggiunti oltre 438.000 quintali di prodotti per produzione di seme e prodotti destinati a filiere alimentari. anche nel 2018 piu' che positivo l'andamento del settore meccanizzazione a conferma della consolidata patnership con il marchio john deere con un fatturato complessivo di oltre 35.600.000 euro", ha affermato CREMONINI. "soddisfatto anche il presidente del consorzio agrario dell'emilia antonio FERRO che dopo aver ringraziato i soci e illustrato le attivita' ha ribadito 'come sia sicuramente importante fornire ai soci tutti i mezzi tecnici di cui abbisognano per le loro attivita' quotidiane, ma sempre piu' importante sono i servizi che la nostra cooperativa e' in grado di fornire ai propri soci a partire da un assistenza tecnica altamente qualificata, fino ad arrivare all'utilizzo delle nuove tecnologie in campo agricolo quale l'agricoltura di precisione o l'utilizzo dei droni, o gli investimenti tecnologici fatti dalla nostra collegata emilacap, tutto cio' per essere sempre piu' un valido supporto per i nostri soci; in quest'ottica l'approvazione del bilancio e' arrivata unanime e' per me e stato elemento di grande soddisfazione'", riporta il comunicato. "l'assemblea ha infine provveduto alla nomina del collegio sindacale per il triennio 2019-2021: confermato claudio SOLFERINI quale presidente e graziano POPPI quale membro effettivo, unitamente ad alessandro SICURI", conclude il comunicato.

 

 

(10 giugno 2019)(riproduzione riservata)

 

 

MATTARELLA NOMINA I NUOVI CAVALIERI DEL LAVORO TRA I QUALI MOLTI ESPONENTI DELL'AGRO INDUSTRIA

il presidente della repubblica, sergio MATTARELLA, informa una nota del quirinale, "ha firmato il decreto con il quale, su proposta del ministro dello sviluppo economico e del lavoro e delle politiche sociali, luigi DI MAIO, sono stati nominati 25 cavalieri del lavoro. tra gli insigniti guido maria BARILLA industria / alimentare emilia romagna; giovanni francesco CAPUA industria / olii essenziali calabria; riccardo FELICETTI industria / agroalimentare, biologica trentino alto adige; giuseppe LAVAZZA industria / caffe' piemonte; francesco PUGLIESE commercio / alimentare emilia romagna; aurelio REGINA industria / manifatturiera lazio; martino VERGA industria / integratori alimentari lombardia".

 

(31 maggio 2019)(riproduzione riservata)

 

TOSCANA, CIA, SITUAZIONE NON SOSTENIBILE, REGIONE SI ASSUMA RESPONSABILITA'

"ritardi inaccettabili in toscana sui pagamenti in agricoltura. ritardi che stanno mettendo in forte difficolta' le aziende agricole, che gia' devono fare i conti con i danni da maltempo, con la burocrazia che strangola sempre di piu' le imprese e con l'emergenza ungulati e predatori che sembra non finire mai" rende noto un comunicato stampa della cia toscana, che segnala i disagi che gli agricoltori beneficiari degli aiuti - relativamente alle misure a superficie in particolare le mis. 10.1.1 e 10.1.2 del psr 2014-2020 e le mis. 214 a.1 della precedente programmazione - a causa dei mancati pagamenti ad oggi dei relativi premi comunitari per le annualita' 2017 e 2018. "ritardi che generano ulteriori difficolta' e criticita' alle imprese gia' fortemente provate dagli avversi andamenti climatici che stanno provocando aumenti dei costi di produzione e perdite di prodotto anche consistenti in diversi comparti produttivi", afferma luca BRUNELLI, presidente cia toscana, sottolineando che "si chiede alla regione toscana di avviare il pagamento di queste misure con urgenza. la situazione non e' piu' sostenibile, bisogna che la regione si assuma le proprie responsabilita'". vista la rilevanza e gravita' di tale situazione, l'impatto sul tessuto economico e produttivo della regione, la cia ha chiesto un incontro urgente alla regione toscana ed in particolare all'assessore all'agricoltura marco REMASCHI.

 

 

(7 giugno 2019)(riproduzione riservata)

 

 

FacebookLinkedin