Lunedi, Giu 24th

Last update05:55:39 PM

agra press Unaprol

OLIO D'OLIVA, UNAPROL, BENE NAS, CON EXPORT RECORD AUMENTARE CONTROLLI

"desidero ringraziare i carabinieri del nas per l'intervento di oggi, in collaborazione con il dipartimento dell'ispettorato centrale della tutela della qualita' e repressione frodi dei prodotti agroalimentari, che ha portato nel chietino al sequestro cautelativo di 1.880 chili di olio extra vergine di oliva di produzione greca; e' fondamentale che nel comparto olivicolo vengano intensificati i controlli e ci sia omogeneita' durante le operazioni di verifica rispettando i parametri fissati a livello internazionale, ad esempio in riferimento al livello di acidita' dell'olio extra vergine d'oliva", afferma david GRANIERI presidente di unaprol, consorzio olivicolo italiano. "incrementare il numero di ispezioni e' quanto mai necessario soprattutto dopo una stagione drammatica come quella passata con la peggiore produzione, in termini quantitativi, degli ultimi 25 anni con sole 175mila tonnellate, a causa delle gelate e della xylella; nei giorni scorsi unaprol aveva evidenziato, numeri alla mano, il livello di esportazioni record dagli altri paesi, a partire dall'africa, e sottolineato il rischio dell'arrivo in italia di produzioni di qualita' molto bassa svendute a prezzi insostenibili", sottolinea GRANIERI.

VINOFORUM, GRANIERI (UNAPROL), GRANDE SUCCESSO PER LA SCUOLA DELL'OLIO

"si e' conclusa ieri notte, con grande successo, la partecipazione di unaprol-consorzio olivicolo italiano, coldiretti e campagna amica alla manifestazione vino'forum, ospitata quest'anno a roma, nel parco di tor di quinto, dal 14 al 23 giugno", rende noto il consorzio. "tra i visitatori dell'oleoteca anche graça MACHEL, avvocato internazionale ed eminente figura politica mozambicana, nonche' moglie dell'ex presidente del sudafrica nelson MANDELA, che ha preso parte alla degustazione organizzata con l'ambasciata sudafricana e apprezzato la qualita' dell'olio italiano", sottolinea l'unaprol. "complessivamente sono stati circa 2.000 i visitatori che hanno partecipato alle lezioni e alle degustazioni guidate e oltre 300 quelli che hanno chiesto di iscriversi ai corsi della evoo school italia, la scuola inaugurata a maggio a roma, da unaprol, coldiretti e campagna amica che vuole promuovere la cultura dell'olio, sviluppare nei consumatori la percezione della qualita' e formare nuovi assaggiatori e professionisti del settore attraverso corsi di tutti i livelli", informa l'unaprol. "c'e' un grande interesse e una voglia di conoscere il mondo dell'extra vergine, come testimoniano le presenze e il numero degli iscritti", afferma il consorzio. "per questo abbiamo voluto aprire la evoo school italia, un nuovo centro di riferimento che mira a diventare un luogo di incontro, confronto e dibattito tra esponenti della filiera, mondo accademico e rappresentanti delle istituzioni", spiega david GRANIERI, presidente unaprol. "la conoscenza sulle caratteristiche di un vero olio extra vergine e' fondamentale per il consumo consapevole e la liberta' di scelta nell'acquisto in un paese come l'italia che puo' vantare il primato mondiale a livello di qualita' e sicurezza", conclude GRANIERI.

UNAPROL, DA 14/6 LA SCUOLA DELL'OLIO A VINOFORUM

a vinoforum, dal 14 al 23 giugno, ci sara' spazio anche per le eccellenze enogastronomiche a partire dall'olio extra vergine d'oliva evidenzia l'unaprol, spiegando che "all'interno della manifestazione, ospitata quest'anno nella bellissima location del parco di tor di quinto (via fornaci di tor di quinto, 10), verra' allestita da coldiretti, unaprol-consorzio olivicolo italiano e campagna amica un'area innovativa (stand 11) per scoprire segreti, caratteristiche e proprieta' dell'olio extra vergine italiano. si tratta dell'oleoteca della evoo school italia, la scuola inaugurata lo scorso maggio a roma, in via nazionale, da unaprol, coldiretti e campagna amica che mira a promuovere la cultura dell'olio e formare nuovi assaggiatori e professionisti del settore attraverso corsi di tutti i livelli. nell'oleoteca, a partire dalle ore 19.45, i visitatori potranno partecipare gratuitamente alle lezioni teoriche e fare degustazioni guidate per assaggiare il top della produzione nazionale". "per tante persone sara' l'occasione per avvicinarsi a questo settore e scoprire quanto sia importante utilizzare e riconoscere un olio di qualita' e abbinarlo correttamente; vogliamo sviluppare nei consumatori la percezione della qualita', e' questo uno degli obiettivi della evoo school italia che sara' anche un punto di incontro, dialogo e crescita per tutti gli operatori della filiera", afferma il presidente unaprol david GRANIERI.

OLIO D'OLIVA, UNAPROL, "TAPPO ANTIRABBOCCO GARANZIA DI QUALITA' PER CONSUMATORI"

"e' necessario rivedere e modificare il protocollo d'intesa presentato alle associazioni dal ministero dello sviluppo economico e finalizzato a bloccare la vendita delle bottiglie di olio extravergine d'oliva dotate del tappo antirabbocco con biglia", afferma unaprol, consorzio olivicolo italiano. "come e' noto, la legge 161/2014 prevede che nei pubblici esercizi l'olio debba essere presentato in contenitori etichettati e dotati del tappo antirabbocco 'in modo che il contenuto non possa essere modificato'; una norma, purtroppo in molti casi non rispettata, che mira a tutelare il consumatore dal rischio di frodi e a valorizzare le produzioni nazionali", prosegue unaprol. "e' fondamentale avviare un programma straordinario di controlli che renda efficace ed effettivo l'obbligo previsto dalla legge; i tentativi di manomissione di questo strumento e le conseguenti sofisticazioni del prodotto dimostrano la necessita' di intervenire urgentemente; la pericolosita', infatti, nasce solo ed esclusivamente al momento 'della manomissione del meccanismo di sicurezza' ed e' quindi legata a un uso improprio", spiega david GRANIERI, presidente unaprol. "si potrebbero fare centinaia di esempi analoghi di oggetti a rischio dopo esser stati manomessi; il tappo antirabboco funziona e tutela sia i consumatori sia le aziende che producono oli di qualita', proteggendole dai tentativi di contraffazione; non e' pensabile limitare la liberta' d'azione sul mercato dei produttori, bloccando la vendita delle bottiglie di questo tipo alla grande distribuzione, tanto piu' ricorrendo a un protocollo invece che allo strumento legislativo", aggiunge GRANIERI, precisando che "inoltre, limitarsi ad approfondire solo questo aspetto significherebbe sprecare una grande opportunita', fare un passo indietro nella trasparenza e penalizzare le aziende che hanno sostenuto costi elevati per adeguarsi alla normativa; per questo, riteniamo essenziale che vengano coinvolti tutti i soggetti della filiera olivicola e le associazioni dei consumatori e che il ministero effettui studi e accurati approfondimenti tecnici non limitandosi a recepire una serie limitata e imprecisata di segnalazioni provocate da manomissioni", conclude GRANIERI.