CIBUS: CONFAGRICOLTURA, DA AGROALIMENTARE SPINTA PER RIPARTENZA SEGNALE IMPORTANTE ORA LE RIFORME

(riproduzione riservata)

“con la visita allo stand del ministro dello sviluppo economico, giancarlo GIORGETTI, si chiude oggi l’esperienza di confagricoltura a cibus, il salone internazionale dell’alimentazione che e’ tornato a parma dopo la pandemia con una rinnovata voglia di riprendere relazioni e scambi commerciali. i dati dell’export di settore, che sfiora i 50 miliardi, sono un traino importante per il paese, ma la cautela e la necessita’ di accompagnare la crescita con misure adeguate sono altrettanto fondamentali: e’ quanto e’ emerso nei momenti di confronto nei quattro giorni di fiera tra il presidente di confagricoltura, massimiliano GIANSANTI, il ministro delle politiche agricole, stefano PATUANELLi, e gli altri rappresentanti delle istituzioni”, rende noto un comunicato stampa di confagricoltura. sul tavolo c’e’ il futuro dell’agricoltura e dell’agroalimentare, il primo comparto del pil italiano, simbolo del made in italy, che necessita tuttavia di riforme e di un piano organico di sviluppo a lungo termine per consolidare i risultati e continuare a crescere. i temi che hanno caratterizzato la presenza della confederazione a questa edizione di cibus sono stati innovazione, territorio, sostenibilita’, declinati dalle realta’ imprenditoriali e associative all’interno dello spazio espositivo di confagricoltura: uno spaccato sui prodotti della tradizione, eccellenze di regioni e province che oggi guardano al mercato con nuove sensibilita’ capaci di rispondere meglio alle esigenze di un consumatore sempre piu’ attento e informato. lo stand confederale e’ inoltre stato continuamente animato da eventi live, presentazioni e showcooking curati da mario MARINI nella duplice veste di cuoco e presidente di confagricoltura parma. oltre un migliaio i piatti con i prodotti del territorio serviti e apprezzati dal pubblico che ha continuamente affollato lo stand”, conclude il comunicato.