PAC POST 2020: PRANDINI (COLDIRETTI), UE INVESTA SU CIBO, IN QFP SUPERARE SQUILIBRIO FONDI AGRICOLI

(riproduzione riservata)

“occorre salvaguardare un settore chiave per la sicurezza e la sovranita’ alimentare soprattutto in un momento in cui, con l’emergenza covid -19, il cibo ha dimostrato tutta la sua strategicita’ per difendere l’europa dalle turbolenze provocate dalla pandemia che ha scatenato corse agli accaparramenti e guerre commerciali con tensioni e nuove poverta’”, afferma il presidente della coldiretti ettore PRANDINI, in riferimento “all’accordo su un approccio comune raggiunto dai ministri dell’agricoltura della ue sulla nuova politica agricola comune (pac) discussa dall’europarlamento”, precisa la coldiretti. “un obiettivo che puo’ essere raggiunto solo garantendo un budget adeguato a sostegno degli agricoltori per fare fronte alle nuove sfide ambientali e climatiche e non dipendere dall’estero per cibo e bevande che sono diventanti un elemento strategico per la ripresa economica dell’ue”, spiega PRANDINI, nel sottolineare che “serve una pac forte, semplice ed efficace e con risorse adeguate per garantire la competitivita’ delle imprese e consentire di svolgere un ruolo essenziale nel presidio territoriale, nel contrasto alla crisi climatica e contro il dissesto idrogeologico”. “nell’ambito del dibattito ancora aperto sul quadro finanziario pluriennale e’ pertanto necessario superare lo storico squilibrio nei fondi europei assegnati all’agricoltura italiana che si colloca al primo posto della classifica europea per valore aggiunto, ma e’ la meno sostenuta tra quelle dei principali paesi europei dove in vetta alla classifica ci sono al primo posto la francia, seguita da germania e spagna”, afferma PRANDINI, secondo cui “e’ necessario tenere conto delle differenze dei costi di produzione all’interno dell’unione europea per garantire la competitivita’ delle imprese”. “oggi l’agricoltura italiana e’ anche la piu’ green d’europa, con 305 specialita’ dop/igp riconosciute a livello comunitario e 415 vini doc/docg, 5155 prodotti tradizionali regionali censiti lungo la penisola, la leadership nel biologico con oltre 60mila aziende agricole bio, e il primato della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari”, conclude la coldiretti.