VINITALY SPECIAL EDITION: IN STAND CONFAGRICOLTURA DEGUSTAZIONI E INCONTRI BUSINESS INTERNAZIONALI

(riproduzione riservata)

“con il taglio del nastro da parte del ministro delle politiche agricole, stefano PATUANELLI, ha preso il via oggi l’attivita’ di confagricoltura al vinitaly special edition. un’edizione autunnale voluta dagli organizzatori per traghettare la manifestazione verso la prossima primavera, con il ritorno del vinitaly vero e proprio dal 10 al 13 aprile”, fa sapere un comunicato stampa dell’organizzazione. “lo spazio confederale nel padiglione 6 – stand d2 – di veronafiere, nella tre giorni di apertura esclusivamente ad operatori del settore e stampa specializzata, ospita incontri con i buyer di diversi paesi. oggi e’ la volta di canada, russia, regno unito e nord europa. domani tocchera’ a francia, ungheria e lituania, mentre martedi’ sara’ la volta di estonia e romania. la formula e’ quella del walk-around tasting con protagonisti i vini delle aziende di confagricoltura di quasi tutta la penisola: spumanti, bianchi e rossi espressione dei vari territori”. “conforta il fatto che la filiera pesi per il 17% sull’agroalimentare e che le esportazioni siano in forte ripresa, ma il covid ha inciso negativamente sulle piccole realta’, che hanno perso in media il 20% di export durante la pandemia”, sottolinea confagricoltura facendo riferimento ai dati elaborati e presentati da nomisma, sul grado di competitivita’ del settore vitivinicolo italiano. “per il futuro, lo scenario e’ carico di nuove sfide e opportunita’ per il settore: i consumi sono in calo e le indicazioni europee spingono in questa direzione; i cambiamenti climatici causano volatilita’ dei prezzi e la transizione ecologica e’ un dogma. a fronte di questo quadro in continuo mutamento, e’ necessario innovare, non solo in termini di agricoltura 4.0, ma anche nella ricerca per aumentare la resistenza delle piante alle minacce del clima e delle nuove patologie”, precisa confagricoltura. “il mercato, infine, richiede accorpamenti per far crescere la capacita’ contrattuale e di internazionalizzazione delle piccole realta’, che singolarmente non riescono ad aumentare il portafoglio clienti all’estero. oggi – e’ stato ricordato – 20 aziende del vino rappresentano il 40% dell’export: la crescita dimensionale e’ quindi urgente e necessaria”, conclude confagricoltura.